Jean Seberg

Adolescente ribelle nella vita e sullo schermo, attivista per i diritti dei neri e dei Nativi americani, perseguitata da CIA e FBI, depressa, interprete di ruoli controcorrente, e morta troppo presto, forse suicida, forse uccisa come Marilyn: Jean Seberg è stata un’icona della Nouvelle Vague, un’attrice bella e dannata, brava e tormentata, rimasta nell’immaginario mentre vendeva giornali americani sugli Champs Elysées in A bout de souffle di Godard.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: