Marina Cvetaeva

Poetessa attenta in particolare a tematiche sull’emotività e sessualità femminile, Marina Cvetaeva fu una delle tante vittime, anche se indirette (si suicidò) della repressione staliniana, scegliendo tra l’altro di tornare in Russia da Parigi dove si era rifugiata.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: