Marzieh Vafamer

Attrice bella, brava e coraggiosa, nata in quell’Iran che da oltre trent’anni è stretto in una morsa di dittatura religiosa (non che gli altri tipi di dittature siano meglio, sempre dittature sono), Marzieh è stata condannata ad un anno di carcere e a cinquanta frustate perché nel film My Teheran for sale, una delle tante incredibili pellicole che in questi anni ci hanno raccontato, sfidando la censura, le contraddizioni del Paese (due titoli Offside e I gatti persiani), Marzieh compare senza il chador e fa vedere i capelli.
Nel film Marzieh racconta la sua storia, le difficoltà di fare un mestiere creativo sotto un regime repressivo: in ogni caso la sua condanna ha creato un’ondata di indignazione: la primavera araba, grandioso movimento di libertà, ha ancora molta strada da fare e molti regimi da travolgere, senza cadere nelle lusinghe dell’integralismo religioso..

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: