Mina Murray

Winonas1_gif

Oggetto del desiderio di Dracula, emblema del risveglio delle donne nella tarda epoca vittoriana che come repressione sessuale e sociale non scherzava: Mina Murray, magistralmente portata sullo schermo da Winona Ryder, è un personaggio che ha ancora molto da dire oggi, in tempi di fanciulle poco interessanti che corrono dietro a vampiri altrettanto poco interessanti.
Ho letto due libri in questi giorni in cui Mina è protagonista: Dracula in love di Karen Essex e The undead di Dacre Stoker e Ian Holt.
Nel secondo, prigioniera di un’eterna giovinezza, venticinque anni dopo i fatti con il conte Dracula, viene perseguitata dalla contessa Bathory e sceglierà la vita eterna e dannata con il suo amante vampiro dopo decenni di rigore autoimposto. Nel primo, più interessante, è una creatura in contatto con i Sidhe delle fate, vittima della repressione degli ospedali psichiatrici, pronta a scegliere la tranquillità ma l’autrice sta scrivendo un seguito. Che non vedo l’ora di leggere.

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: