La regina Vittoria

queen-victoria

Sabato scorso è stato trasmesso un film in costume inglese del 2009, inedito in Italia al cinema, e cioè The young queen Victoria, dove Emily Blunt interpretava una delle donne simbolo della storia inglese.
Salita al trono per caso dopo che lo zio Giorgio IV morì senza eredi diretti, governò l’Impero britannico dal 1837 al 1901, diventando la nonna d’Europa, e piazzando i suoi dieci figli e i loro discendenti sui troni di tutto il continente.
Considerata emblema di una morale repressiva, in realtà voluta in buona parte dal marito Alberto, Vittoria fu un’amante appassionata del consorte e dopo la sua morte intraprese una relazione pare non solo platonica con il cocchiere, lo scozzese Brown, togliendo poi tutte le limitazioni di espressione della cultura della Scozia che da oltre un secolo c’erano in Gran Bretagna.
Sotto il suo regno la Gran Bretagna ebbe Dickens e i preraffaelliti, le sorelle Bronte e Thomas Hardy, Oscar Wilde e Florence Nightingale, e fu terra di rifugio per personaggi come Mazzini e Carlo Marx.
Sulla regina Vittoria c’è una discreta biografia di Carolly Erickson, il film con Emily Blunt è pregevole, così come lo è Mrs Brown, con Judie Dench che fa Vittoria.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: