Elizabeth Taylor

liznew6_jpg

Se ne è andata a 79 anni, dopo una vita eccessiva sotto tutti gli aspetti, dagli amori alle spese, dai capricci ai vizi ai ruoli al cinema, dove rifiutò il ruolo di bella senz’anima per parti anche complesse e ingrate, come la mezza pazza di Improvvisamente l’estate scorsa, la folle in costume de L’albero della vita, la Bisbetica domata di Shakespeare.
Elizabeth detta Liz Taylor, un debutto da bambina come padroncina di Lassie, poi Amy in Piccole donne, e poi tanti altri ruoli e donne per decenni fino all’abbandono degli schermi, è stata per molti l’ultima diva, per altri una buona amica, come per i gay che si dovevano nascondere Rock Hudson e Montgomery Clift, per altri ancora un’insopportabile rompiscatole, per altri ancora un’attivista per i diritti dei malati, lei malatissima da una vita.
Tanti suoi film sono trasmessi ancora oggi in televisione, a perpetrare il ricordo di un’attrice e diva, eccessiva ma sublime, romantica ma trasgressiva, capace di versare lacrime per il suo amico il folletto Michael Jackson e di fregare il marito alla sua migliore amica Debbie Reynolds. Senz’altro mancherà, anche se non la si vedeva più dal cameo che aveva fatto nello sceneggiato in costume Nord e Sud, metà anni Ottanta, con un’altra icona dello schermo ora scomparsa, Patrick Swayze.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: