La contessa Bathory

La-Contessa-nera-2

I serial killer di solito sono uomini, ma si dice che il serial killer che ha ucciso più persone sia stata una donna: la contessa Erzbeth Bathory, vissuta tra Cinque e Seicento nell’Ungheria devastata dalle guerre di religioni, aguzzina e assassina di decine di fanciulle, serve e nobili, con il cui sangue si lavava per rimanere sempre giovani, per molti ispiratrice di Crimilde, la matrigna di Biancaneve per i fratelli Grimm poi immortalata da Walt Disney.
A Erzbeth Bathory è stato dedicato un capitolo nel bel saggio di Cinzia Tani Assassine e su di lei ho appena letto un bellissimo romanzo edito da Garzanti, La contessa nera, scritto da Rebecca Johns, che sceglie per la sua antieroina una lettura nuova, quella di una donna sola in un mondo di uomini, di una madre che lotta per i suoi figli, di un’amante tradita dall’uomo che amava, della protagonista di alcuni maltrattamenti contro le sue serve, ma non secondo la leggenda nera, e non diversi da quelli che erano norma a quell’epoca, in cui i sottoposti erano visti poco più che come oggetti.
Del resto anche per Gilles de Rais è stata rivista la sua immagine di serial killer, pedofilo e satanista, come quella di una vittima del potere, ed Erzbeth aveva l’aggravante di essere una donna, e una donna scomoda, che doveva ricorrere a metodi discutibili per non soccombere, e pare che le donne uccise nella cantina le furono messe ad arte. Pare, la verità non la si saprà mai. La Storia la scrivono i vincitori, e forse Erzbeth fu il capro espiatorio ideale di varie situazioni. O forse è stata davvero il serial killer più sanguinariodi tutti i tempi.

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: